25 Ottobre 2020
che c´è di nuovo

GLI AMICI RICORDANO GIGI A NOVE ANNI DALLA SUA SCOMPARSA

08-02-2015 18:54 - News Generiche
Gli amici e i parenti di Gigi in occasione della intitolazione di Via Pieruccetti a Fornacette
A 9 anni dalla sua scomparsa ricordiamo con affetto l´amico Gigi Pieruccetti, autorevole "fornacettologo", educatore, insegnante, Partigiano, molto amato dai paesani per la sua cordialità dal sapore "nostrano" e genuino. Gigi ha raccontato la storia, i personaggi di fornacette del secolo scorso e negli ultimi anni della sua esistenza ha collaborato con il Comune per l´organizzazione di importanti eventi culturali come l´istituzione del premio letterario in vernacolo pisano "Il Navicello" e altre manifestazioni.Gigi ha curato anche la promozione di alcune pubblicazioni riguardanti il nostro paese. Nel nono anniversario della sua scomparsa lo vogliamo ricordare con il medesimo grande affetto. Ciao Gigi.

Sicuri che vi farà piacere pubblichiamo una poesia di Gigi
ER CHICCO DI PANìO da le poesie di GIGI

ER CHICCO DI PANìO

Ti voglio ´nsegnà´ un giòo parecchio bello
che sse llo ´mpari m´arringrazierai.
Doppo ´he ll´avrai ´apito ´anterai
allegro e vvispo com´un filinguello.
Per terra, ´n una chiostra o n´ mezz´a un´aia,
disegna un nappamondo, ´ome tti viène;
s´un è tanto preciso e s´un è tondo
´un ha ´mportanza. Basta vedè´ bbene
l´Asia, ll´A´ffrìa, l´Amèrìe, l´Australia,
le regioni polari, oceani, mari...
e questa vecchia Uròpa, ´òn lì ´n fondo
attaccata ll´Italia che, più o mmeno,
se lla fai ´n proporzione a tutto ´r resto,
vedrai ´om´è ppiccina appètt´ar mondo.
Ora agguanta, ´on d´ diti d´una mano,
un chicco di panìo, sortanto uno,
e arràmpìati ´n cima a uno scalèo
di modo da sbornia´, di lassù ´n arto,
´r tu´ mondo ´ome vvisto da un aerèo.
Senza studiàcci tanto né ppòìno,
butta ´vèr chiccolino sur disegno,
così a vànvera, e prova a gguardà´ ´n dove
ti va a ccascà´, se ll´occhio ce l´hai fino.
´N dov´è ´ndato a ffinì´? Ner mezz´ar mare?
´N un deserto ´nfòàto? Tra fforeste
´n dove la tigre e ´r cobra ènno ´n agguato?
ò´ ss´è fermato ´nvece accant´ar polo,
tra ´ ghiacci eterni, ´n dove ttre esquimesi
vanno a caccia di fòe tutta ll´estate
per dormì´ pòi d´inverno per sei mesi?
te ne siei avvisto ´om´è ddiffiòrtoso,
-più dell´imbròccà´ ´n pièno la schedina-
trovassi ar caso ´he qquer chiccolino
si férmi su un´Italia ´osì ppiccina?
Ora penza un po´ po´´ ´vand´ e´ siei nato
e ssei ´ascato giù sa ddio di dove,
che po´´ di bùo ch´ha´ avuto. Ma ppotevi
èsse´ più affortunato? Dillo, su!
Quanti miglioni ne sarà ppiovuto
proprio ´ver giorno stesso di lassù?
Ma cchi è ffinito ´vi, ´n questo Paese,
còr mare azzurro e ´r cèlo senz´un velo?
còll´ulivi, le vigne e ll´aranceti...
còlle città, che sse ne sta a ddi´ mmale,
ma sse vvai per er mondo pòi t´avvédi,
che - hai voglia di girà´! - nun c´è ll´eguale!?
Com´un bastassi, nun t´è mmìa toccato
la Lombardia, ´òlla nebbia ch´un ci vedi,
né ll´Aspromonte ´he cci mòi ammazzato.
In Toscana sei nato! E nno a Llivorno
- che ssarèbbe vergogna! - e neanc´a Llucca,
ma a Ppisa, sur Lungarno, ´on d´intorno
la grolia e ll´arte di ´vesta città
che, piccina ´om´è, già ´n sulle ´arte
Scrisse ´r su´ nome tanti sèòli fa.
E allora, se alle vòrte ti va mmale,
penza un pòìno ar chicco di panìo:
refrètti a ddove ´r tuo t´è andato ´n bùa!
Dàtti una patta e pòi ring razzia Ddio
d´èsse´ venuto ar mondo a Ppisa tua.

Gli amici delle Fornacette


Fonte: gdg

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account